Ministero del Turismo: Contributi per i piccoli comuni a vocazione turistica

Marie Fiocco
Ministero del Turismo: Contributi per i piccoli comuni a vocazione turistica

Il Ministero del Turismo ha pubblicato ufficialmente il nuovo bando dedicato ai piccoli comuni italiani con una forte vocazione turistica al fine di promuovere lo sviluppo locale tramite la creazione e il potenziamento di percorsi turistici diversificati, innovativi e sostenibili. L’obiettivo principale del bando, infatti, è quello di offrire un’opportunità di promozione e sviluppo dei piccoli centri storici, artistici e culturali offrendo servizi di valida alternativa alle maggiori città turistiche in un’ottica di destagionalizzazione del turismo di massa.

Chi sono i beneficiari del bando Ministero del Turismo: Contributi per i piccoli comuni a vocazione turistica

Il bando del Ministero del turismo: contributi per i piccoli comuni a vocazione turistica, si rivolge a tutti i Comuni con meno di 5.000 abitanti che siano stati anche identificati come comuni a vocazione turistica (come da classificazione ISTAT ai sensi dell’art. 182 del DL n. 34 del 19/05/2020).
I Comuni possono partecipare in forma singola o associata ed è ammesso anche un partenariato con enti privati.
Nel caso di associazione di Comuni, tutti i soggetti devono rispettare i criteri sopra elencati e la somma degli abitanti del gruppo di Comuni non può superare i 5.000 abitanti. I Comuni non devono essere necessariamente limitrofi.

Cosa finanzia il bando Ministero del Turismo: Contributi per i piccoli comuni a vocazione turistica

Il bando del Ministero del turismo: contributi per i piccoli comuni a vocazione turistica finanzia interventi di valorizzazione del patrimonio storico, culturale, edilizio e naturalistico, tra cui opere finalizzate a:
  1. abbattimento delle barriere architettoniche per accrescere l’accessibilità e la fruizione dell’offerta turistica da parte di persone con disabilità;
  2. sostenere la creazione e lo sviluppo di nuovi itinerari e destinazioni turistiche;
  3. riqualificare, rigenerare e ristrutturare edifici, ambienti urbani, anche in disuso o degradate, e le aree oggetto di dissesto idrogeologico ai fini della fruizione turistica dell’area;
  4. potenziare forme di mobilità sostenibile;
  5. creare, produrre e diffondere gli spettacoli dal vivo e festival;
  6. promuovere e sviluppare il turismo locale del settore primario e delle attività artigianali tradizionali;
  7. ridurre l’impatto ambientale del turismo;
  8. incrementare la sostenibilità ambientale della destinazione turistica.
Nel caso di interventi su edifici o spazi pubblici è necessario che siano di piena proprietà dell’ente promotore degli interventi.

Quanto finanzia il bando Ministero del Turismo: Contributi per i piccoli comuni a vocazione turistica

Il bando del Ministero del turismo: contributi per i piccoli comuni a vocazione turistica eroga contributi a fondo perduto fino al 100% della spesa ammissibile da un minimo di 150.000€ fino ad un massimo di 500.000€. 
Ogni soggetto può presentare solo una richiesta di contributo.

Quando scade il bando Ministero del Turismo: Contributi per i piccoli comuni a vocazione turistica

Il bando del Ministero del turismo: contributi per i piccoli comuni a vocazione turistica si aprirà il 17 luglio 2023 e si chiuderà il 09 settembre 2023.

Ti interessa il bando?

Progetta, investi e realizza con FAST Zero
Se hai un’idea o progetto da realizzare e sei alla ricerca di un contributo a fondo perduto, compila subito il form. Sarai contattato da un nostro specialista per avere una consulenza gratuita.
Skype
Meet
zoom
Teams
Fiocco
Chiedi una consulenza

Raccontaci la tua idea. Compila il form valutiamo gratuitamente la tua richiesta. Per qualsiasi dubbio, siamo sempre a tua disposizione.

Chiedi una consulenza gratuita
Registrati

Una volta registrato entri a far parte della community di FAST Zero e potrai accedere direttamente dalla tua dashboard ad un set esclusivo di servizi, in modo facile e veloce.

Registrati subito

Ti potrebbero interessare anche questi bandi


Comunità Energetiche in Lombardia, pubblicati gli esiti della manifestazione di interesse
Via libera dall'Europa al Decreto sulle Comunità Energetiche rinnovabili
Il Mase sblocca 502 milioni di euro per la transizione energetica